Peugeot Rifter 2022: specifiche, prezzo, data di uscita

Rompendo l’immagine di utilità che trasmette la monovolume, ecco cosa voleva ottenere Peugeot con il suo Rifter 2022. Nuovo modello, nuovo nome, equipaggiamento migliorato. L’operazione di riconquista è in corso. Primo test con il motore diesel più potente, il BlueHDI 130 CV.


Per chi cerca un mezzo molto pratico ma non ha necessariamente i mezzi per acquistare un minivan o un SUV, i veicoli ricreazionali sono la soluzione ideale. Tuttavia, questa categoria soffre di un’immagine piuttosto negativa presso alcuni automobilisti a causa della stretta vicinanza al mondo dell’offerta da cui provengono. Per diversi produttori, Peugeot in particolare, è giunto il momento di cambiare questa reputazione. La compagnia dei leoni avrebbe potuto accontentarsi di una seconda generazione, come al solito, ma era necessario marcare gli spiriti. Lascia il nome Partner e ciao Peugeot Rifter 2022. Anche se condivide molte parti con le sue cugine Opel Combo Life e Citroën Berlingo il Peugeot Rifter condivide un look unico che incorpora molti elementi che rendono i leoni così tanto successo oggi.

La griglia del radiatore con il logo al centro è molto verticale ei fari ereditano una rientranza nello scudo come le luci diurne del 2008 e con una specifica firma luminosa. Si noti inoltre che il Peugeot Rifter con protezione del corpo assume il fascino di un SUV. Il resto resta piuttosto classico per la categoria, con un profilo cubico e una sezione di coda molto vicina all’attuale compagno.

✓ Puoi anche controllare:


Le evoluzioni esterne non sono nulla in confronto alle trasformazioni interne. Peugeot ha osato installare il suo i-Cockpit in una monovolume e il risultato è convincente. Ritroviamo quindi con gioia il piccolo volante a doppia spianatura, lo schermo multimediale (fino a 8 pollici) leggermente rivolto verso il guidatore ma anche la strumentazione alta. Basta cambiare, qui nessun pannello digitale ma misuratori analogici. Il cruscotto è semplicemente trasfigurato con un design moderno e un’eccellente ergonomia. L’unico rammarico, infine, riguarda la qualità dei materiali, che resta semplice – ma normale – per la categoria.


Come per ogni monovolume che si rispetti, la praticità gioca un ruolo fondamentale. Non sono stati trascurati e nemmeno ottimizzati. Lo stivaggio nell’abitacolo è onnipresente con un doppio vano portaoggetti – l’airbag ora è installato nel tetto -, un ampio vano portaoggetti nella consolle centrale o sopra i passeggeri anteriori. Il “tetto zenitale”, costituito da un tetto in vetro e da uno spazio di stivaggio aggiuntivo, è anche un’opzione.


Il bagagliaio è imbattibile, anzi con una capienza che va da 775 litri sotto il ripiano a 3000 litri (sedili posteriori singoli ripiegati (non è necessario rimuoverlo) o addirittura 3500 litri con lo schienale del sedile passeggero anteriore ripiegato Peccato il pavimento è Non è piatto ma il Peugeot Rifter lo compensa con un lunotto che si apre indipendentemente dal portellone.

Senza dimenticare i passeggeri con due porte scorrevoli che consentono un facile accesso ai sedili posteriori con ampio spazio per le ginocchia e altezza colossale. Nota che queste porte includono l’apertura di finestre per la prima volta.


E per chi vuole sempre di più, Peugeot propone anche una versione allungata da 35 cm (lunghezza 4,75 m), caratterizzata da sette posti e un volume di carico fino a 4000 litri.