McLaren Artura 2022: specifiche, prezzo, data di uscita

Il mondo delle supercar ha un nuovo concorrente per il peso. La McLaren Artura 2022, ibrida da 680 CV, ha caratteristiche tecniche che la rendono unica sul mercato.

La nuova due posti britannica ha una nuova struttura in carbonio e monta anche un motore 3.0 V6 biturbo da 585 CV in abbinamento a un motore elettrico da 95 CV. Il prezzo sarà di circa 272.000 euro.

Abbiamo viaggiato a Milano per ammirare la nuova McLaren Artura, un ibrido da 680 CV che farà parlare di sé. Nella vita ha un bell’aspetto, con proporzioni molto belle e finiture del corpo molto pulite.

Colpiscono le grandi prese d’aria laterali e un design frontale con un DNA molto chiaro del marchio, che ricordano anche i modelli attuali come l’Elva e lo Speedtail.



La McLaren ha già una vasta esperienza con gli ibridi, come la P1 e la più recente Speedtail, ma si tratta di modelli di piccola serie molto esclusivi. Con la nuova due posti, ora hanno un ibrido di produzione nella loro gamma.

La McLaren Artura, ibrida da 680 CV, presenta molte innovazioni tecniche. La prima riguarda la nuovissima struttura in fibra di carbonio.


Dal primo modello del marchio, la 12C del 2010, è stata utilizzata con diverse evoluzioni una “vasca da bagno” centrale in carbonio realizzata da Carbotech in Austria. Ma ora sono cambiati e l’Artura ha una nuova struttura in fibra di carbonio che chiamano McLaren Carbon Lightweight Architecture (MCLA).

Questo grande pezzo di carbonio pesa solo 82 kg. e ora viene prodotto dalla stessa McLaren in una nuova fabbrica a Sheffield. L’obiettivo era aumentare la rigidità e ridurre ulteriormente il peso per compensare la maggiore massa di ibridazione. La forma della parte posteriore consente l’alloggiamento della batteria e, come i modelli precedenti, ha annessi telai ausiliari anteriori e posteriori in alluminio.


McLaren Artura 2022 Nuovo motore V6

Finora, tutti i veicoli McLaren Automotive hanno una meccanica biturbo V8, quindi il nuovo motore interamente in alluminio è ancora più importante. E’ un 3.0 V6 ad iniezione diretta con le bancate a 120° e con i turbo in mezzo. Eroga 585 CV a 7.500 giri ma arriva fino a 8.500 e la coppia massima è di 585 Nm. Ciò che colpisce è il peso contenuto del V6, 160 kg. Sono 50 in meno rispetto al V8 del marchio. E nel video abbiamo visto che suona davvero bene.

A questo si aggiunge la potenza del motore a combustione, che pesa solo 15,4 chili e offre 95 CV e 225 Nm. Questo motore è abbinato al nuovo cambio a doppia frizione a otto rapporti. Come con altre ibride sportive, la trazione elettrica fornisce una spinta quando il motore gira ai bassi regimi per migliorare l’accelerazione. Questo sarà molto potente in quanto richiede solo 3 secondi. in accelerazione da 0 a 100 km/h e 8,3 secondi da 0 a 200.

Per tutto questo, potrebbe essere che l’Artura sia la prima nuova McLaren in termini di struttura e motore da quando la McLaren Automotive ha presentato la 12C nel 2010.

✓ Puoi anche controllare:

facilità chiave

Le McLaren sono quasi sempre state più leggere dei loro concorrenti e il CEO Mike Flewitt ha affermato in numerose occasioni che i valori del suo marchio non si adatterebbero a una supercar ibrida dei pesi massimi. Il peso a secco dell’Artura è di soli 1.395 kg, il peso DIN è di 1.498 kg.


È un numero abbastanza buono considerando il peso aggiunto dell’ibridazione. Questo (garantito per dieci anni) attraversa la parte anteriore del motore. Il peso totale dei componenti del sistema ibrido è di 130 kg, di cui 88 kg. dalla batteria e 15,4 dal motore elettrico. A seconda della marca, la batteria può essere ricaricata in due ore e mezza con una presa convenzionale.

McLaren Artura 2022 interni

Le porte si aprono in avanti e gli interni mantengono la filosofia purista, austera e incentrata sul guidatore (ad esempio volante senza pulsanti), ma ci sono notevoli miglioramenti. Le McLaren sono state criticate per aver utilizzato i controlli che regolano la maneggevolezza (H) e il gruppo propulsore (P), tutti trasportati nella sezione inferiore della console centrale.

Ora i pulsanti di comando si trovano ai lati del cruscotto, a livello del volante. Anche i pulsanti per la regolazione dei sedili erano un po’ imprecisi e goffi, e anche questo è cambiato. L’auto che ci hanno mostrato aveva di serie i nuovi sedili Clubsport, che uniscono l’estetica di un secchio con il comfort e la facilità di regolazione di un sedile tradizionale.

La regolazione dell’altezza è elettrica, la regolazione longitudinale tramite la classica maniglia in metallo nella parte inferiore. Ovviamente è anche aggiornato in termini di connettività e sistemi di sicurezza all’avanguardia.

Promettente al volante

In termini di comportamento non abbiamo ancora potuto testarlo, ma sarà senza dubbio un gioiellino. Ha nuove sospensioni posteriori multi-link e lo schema a doppio braccio oscillante anteriore è molto simile al fantastico 600LT. Include ammortizzatori adattivi e utilizza barre antirollio come il 570S 0 600 LT.

Tieni presente che il 570S utilizza sospensioni idrauliche, con ciascuna ruota collegata alle altre e senza barre antirollio. Le gomme sono da 19″ all’anteriore e 20″ al posteriore. È anche la prima McLaren a utilizzare un differenziale a slittamento limitato a controllo elettronico, poiché le auto britanniche hanno tradizionalmente lavorato sui freni per creare l’effetto di bloccaggio e ridurre il sottosterzo. Gli piaceva parlare del sistema di frenata sterzante e che era un sistema sviluppato per le loro vetture di F1 negli anni ’90.

Lo sterzo, un punto di forza della McLaren, è idraulico come la 570S o la 600 LT e prevediamo che la sensazione continuerà ad essere esemplare. Dispone inoltre del sistema Variable Drift Control (VDC) che permette al pilota di regolare l’assistenza elettronica per poter derapare liberamente ma in sicurezza. Anche il controllo di stabilità è regolabile in tre posizioni.

4 modalità di guida

Al propulsore Ce ne sono quattro tra cui scegliere, la prima è la modalità E elettrica pura. Ha un’autonomia massima di 30 km e può rotolare a un massimo di 130 km/h. In modalità Comfort, autonomia e comfort sono massimizzati, spegnendo il motore termico al di sotto dei 40 km/h. In Sport e Track, l’energia elettrica viene utilizzata per migliorare le prestazioni e per supportare il V6 biturbo.

Nella serie McLaren sopra l’Artura arriva il potente 720S, che eroga 720 CV con il suo atomico 4.0 Biturbo. La nuova McLaren Hybrid sarà disponibile a luglio e costerà circa $ 272.000 negli Stati Uniti