Ferrari Daytona SP3 2022: Specifiche, Prezzo, Data di Uscita

Eravamo a Firenze per vedere la nuova supercar che reinterpreta la filosofia dei prototipi sportivi Ferrari realizzati negli anni ’60.

Villa Cora è una dimora signorile a pochi chilometri dal centro di Firenze, dove il lusso aleggia in ogni angolo dell’ambiente. A prima vista mi colpiscono per la cura dei loro giardini, l’altezza delle loro finestre, la cura con cui mi accolgono i numerosi addetti di servizio che compaiono ovunque. Tutto sommato, quello che mi colpisce di più sono le due Ferrari SP Monza accanto alla porta, una monoposto e l’altra due posti, predecessori della Ferrari Daytona SP3 del 2022 che incontrerò tra poco.


Scoprirò l’auto nello stesso posto e nello stesso modo in cui la scoprirà una selezione di potenziali clienti da tutto il mondo: innanzitutto, qualche parola per spiegare che, in sintesi, la nuova Ferrari non pretende di essere la la più grande vetrina tecnologica della sua generazione, ma una reinterpretazione esclusiva dei prototipi sportivi degli anni ’60.

Dopodiché, si assicurano che non scatti foto con il telefono (mi hanno messo degli adesivi sulle lenti) e mi conducono in una stanza inondata di luce naturale, dove le forme sensuali riposano sotto una copertura con lo Scudetto Ferrari. C’è un silenzio in cui potrei contare i battiti del mio cuore. È quasi un silenzio di rispetto religioso. E poi due manager del brand tolgono l’involucro… Voilà.


ispirazione dal passato

La Daytona SP3 è una tentazione voluttuosa racchiusa in una scultura lunga 4.686 mm, larga 2.050 mm e alta appena 1.142 mm. Vicinissimo ho Flavio Manzoni, capo design Ferrari, che mi fa la migliore presentazione possibile della vettura: “Non si tratta di una Vintage ▾ – operazione o a Design retrò , ma di usare ispirazioni che provengono dalla tradizione Ferrari, ma da una molto futuristica, tra l’altro, per niente nostalgica. ”

Per prima cosa, guardo agli altri dirigenti del marchio per assicurarmi di poter già avvicinarmi a questa scultura in pelle di fibra di carbonio, immersa in un brillante rosso metallizzato. È puro muscolo, quasi l’incarnazione dell’erotismo su ruote. La cosa interessante, secondo Flavio, è che il disegno non ha appendici, né strani alettoni né elementi attivi; È purista, il che non significa che la sua aerodinamica sia stata messa a punto per generare 230 kg di peso sull’asse posteriore quando si viaggia a 200 km/h.


All’anteriore ha un’ampia presa d’aria e al posteriore la visuale è suddivisa tra gli scarichi centrali protetti da fibra di carbonio con tecnologia F1 che sopporta temperature fino a 350 gradi e il design delle prese d’aria. Per inciso, Lamas ricorda la Testarossa degli anni ’80, che Flavio ammette di aver reinterpretato modelli come la P5 degli anni ’60.

Ferrari Daytona SP3 Sofisticato abitacolo

Il suo abitacolo è molto basso, piccolo e arrotondato, quasi aeronautico. Agendo su una maniglia molto bassa, la porta si solleva a forbice, mostrando la sua estrema leggerezza. Mi hai già avvertito che per sedermi devo prima imparare in panchina e poi passare le gambe per ultime; Non sembra facile, ma sono agile.


A proposito, il sedile non può essere regolato. È altrettanto solido elemento ancorato alla struttura della vettura in fibra di carbonio. Quindi, per trovare il regolamento con cui mi sento a mio agio, prima regolo il volante in base alla mia taglia, quindi distanzia il gruppo pedaliera alla perfezione, cosa che ottengo tirando un pezzo di nastro adesivo all’estremità del marciapiede.

Su questo mobile è rivestito in Alcantara blu e se lo trovo un po’ largo, interviene Emmanuele Carando, marketing manager del brand: l’inclinazione dello schienale, ma qui è più inclinato del normale e questo dà una sensazione più vicina alla Formula 1.

✓ Puoi anche controllare:


minimalismo

Il volante contiene comandi fisici e tattili che consentono di controllare l’80% delle funzioni di infotainment dell’auto, e al volante scopro uno schermo curvo, ineguagliabile al centro della plancia altrimenti minimalista.

Il selettore delle marce è costituito da interruttori impiantati su una struttura che simula la griglia dei vecchi cambi manuali Ferrari. Ma no, non ci sarà il cambio manuale in alternativa all’automatico a 7 rapporti su questa Daytona SP3, per quanto potrebbe essere il tocco vintage definitivo.

Non posso fare a meno di chiudere un attimo gli occhi: il sedile è durissimo, i paddle del volante hanno una corsa minima e un tocco di estrema precisione… Mi affaccio nella schiena la fibbia della cintura, che non ho allacciato ma mi muovo nemmeno io per evitarlo; Sono sopraffatto dall’overdose sportiva…

Per favore niente bagagli

Non c’è un tetto sopra la mia testa che sia di tipo targa e al momento è andato in pensione. «Dove lo tieni?» chiese a Emmanuele, che senza mezzi termini risponde: «. Quando torni a casa e piove, devi costruire questo tetto unico”. E poi esco dall’auto, apro il cofano e mi mostra uno spazio minimo che è occupato al 100% da una piccola borsa. «Dentro c’è un tetto di tela. Nient’altro va bene.” Quindi non c’è spazio per i bagagli che il personale di servizio deve trasportare in un’altra macchina …

Il motore della Daytona SP3 è lo stesso propulsore che abbiamo testato in precedenza sulla 812 Competizione: un V12 non ibrido e non turbo da 6,5 ​​litri in grado di ruggire con toni fragorosi quando viene accelerato fino a 9.500 giri/min. Una ruota con titanio – Bielle (40% più leggere dell’acciaio) e un sistema di aspirazione ridisegnato per l’occasione per migliorare la curva di coppia a qualsiasi velocità.

La Daytona sprigiona così 840 CV a 9.250 giri/min e 697 Nm di coppia a 7.250 giri, consentendole di accelerare da 0 a 100 in 2,85 s, raggiungere i 200 in 7,4 s e superare i 340 km/h. Semplicemente fantastico.

Reinterpretazione invece di evoluzione

Con questi numeri, è difficile credere che i responsabili non ospitino questa Daytona SP3 nella sua categoria ‘supercar’. Soprattutto se ha lo stesso telaio della Laferrari che merita questa valutazione. Il motivo sta nel fatto che la Laferrari è stata lanciata nel 2016 e ha rappresentato un progresso tecnologico, incorporando elementi della Formula 1 (ad esempio il Kers), mentre la Daytona non è un progresso tecnologico ma una reinterpretazione stilistica.

In conversazione con Flavio Manzoni, Direttore Design Ferrari. Ferrari.

L’auto si inserisce in quella che la Ferrari ha soprannominato “Icona Concept”, la cui origine mi spiega Manzoni: “Abbiamo avuto un incontro con Sergio Marchione, il nostro vecchio capo, abbiamo iniziato a parlare di auto del passato, e da allora il è nata l’idea di interpretare un concetto di barca in chiave moderna. Così io e il mio team abbiamo iniziato una ricerca che non voleva essere nostalgica e il risultato è stato la Monza SP1 e SP2”.

Le auto, di cui attualmente esistono due esemplari all’esterno di questa lussuosa villa italiana, sono apparse nel 2018, ma si scopre che già allora avevano in mente un erede, come riconosce il capo progettista: “Mi piace la potenza impressionante e bellezza di loro hanno modelli come il vecchio P3, P4 o 350 Can-Am, e quando li ho suggeriti, si sono innamorati dell’idea. ”

Ferrari Daytona SP3 Solo 599 esemplari

Un’idea che si rifletterà in 599 esempi, 100 in più rispetto a quelli costruiti da SP1 e SP2. Come commenta Enrico Galliera, Vice Presidente Marketing e Vendite: “Le vetture saranno offerte a chi ha già acquistato queste SP1 e SP2, e le altre saranno per 100 clienti nei cui paesi questi due modelli non potrebbero essere venduti per motivi di omologazione Dunque.”

Stavo pensando di scrivere che di certo si terranno per poco tempo in vendita una volta che tutti gli ospiti saranno passati al mio posto e visto cosa ho visto, ma mentre scrivo queste righe mi hanno appena confermato che non ce ne sono più disponibili . 2 300 000 euro (comprese le tasse spagnole) e li hanno venduti come ciambelle.